Scintoismo e santuari 神道と神社

Torii

@Unsplash/ Snowscat

Una guida per i viaggiatori in Giappone sullo shintoismo e la visita ai santuari, con informazioni fornite da una sacerdotessa shintoista di 17ª generazione.

La religione in Giappone si presenta principalmente in due forme: il buddismo e lo shintoismo. Il buddismo, come molti sanno, è una religione mondiale che trae le sue origini dall'India ed è stata portata in Giappone intorno al VI secolo.

Sebbene citi molte influenze dalla cultura cinese e dal buddismo, lo scintoismo vede le sue origini e le sue pratiche quasi completamente in Giappone, comprendendo le antiche tradizioni della cultura con la sua influenza ancora ampiamente visibile nei giorni nostri.

Le tradizioni e l'influenza scintoista sono visibili in quasi tutti gli aspetti della vita giapponese, dalle pratiche e abitudini quotidiane alle principali festività e celebrazioni. È in questo modo che la Shinto occupa una presenza unica all'interno della sua terra natale; ben studiata e pienamente compresa da pochi, ma influente e abbracciata da quasi tutti.

I viaggiatori possono sperimentare direttamente questa presenza nei numerosi jinja (santuari shintoisti) che si trovano in tutto il Giappone, e il Kannushi (sacerdote/prete shintoista) di 17ª generazione Moe Wakamiya del Santuario Tokiwa in La prefettura di Toyama ci ha fornito indicazioni su ciò che i visitatori dovrebbero vedere, capire e sperimentare quando visitano un santuario scintoista.

Lo Shinto è citato come la religione indigena del Giappone ed è menzionato in documenti scritti già nel 300 a.C., con il suo sviluppo e le sue leggende sicuramente sviluppate molto prima di allora.

La direttrice del Santuario di Tokiwa, Moe Wakamiya, nel suo abbigliamento da Kannushi.

Moe Wakamiya

Santuari shinto in Giappone

Con l'importanza del buddismo e dello scintoismo in Giappone, in genere si trovano due tipi di edifici religiosi in tutto il Paese. Il buddismo è praticato nei templi, che in giapponese sono chiamati otera (お寺), mentre lo shintoismo è praticato nei santuari, noti come jinja (神社). Per esempi notevoli di entrambi, Kiyomizu-dera a Kyoto e Senso-ji a Tokyo sono esempi di templi buddisti, mentre Ise-Jingu nella prefettura di Mie e Meiji-Jingu a Tokyo sono esempi di santuari shintoisti. In tutto il Giappone, si dice che ci siano oltre 100.000 santuari.

Meiji Jingu

Santuario Meiji Jingu a Tokyo.

@Wikimedia

Persone nei santuari scintoisti

In Giappone si può trovare un certo numero di persone che si occupano e lavorano nei santuari scintoisti. La massima autorità è quella del Kannushi, che come abbiamo già detto è il titolo di Moe Wakamiya nel suo santuario di Toyama. Il Kannushi è la figura principale di un determinato santuario, che guida le precessioni, conduce i rituali e le funzioni, oltre a una serie di altre responsabilità. Spesso indossano abiti e copricapi elaborati, anche se, a seconda di determinati rituali e pratiche, questo abbigliamento può cambiare.

Aiutano i Kannushi le Miko, spesso ragazze liceali che prestano servizio al santuario nel tempo libero o come lavoro part-time. Possono essere viste indossare abiti bianchi e rossi, occuparsi delle necessità generali del santuario e assistere a rituali e cerimonie. Nei templi più grandi possono essere viste lavorare in bancarelle che vendono merci come omamori (ciondoli che portano fortuna o protezione) che contribuiscono ai fondi per il mantenimento e il finanziamento del santuario.

 

Mikos e mikos in allenamento al Santuario di Tokiwa

Moe Wakamiya

Kannushi and miko

Kannushi e miko al Meiji Jingu.

@Enciclopedia della Storia del Mondo

Cosa provare visitando un santuario shintoista

Sicuramente i santuari scintoisti sono un sito raro al di fuori del Giappone, quindi Wakamiya raccomanda ai viaggiatori di prendersi il loro tempo e di cogliere il più possibile quando visitano un santuario.

Prima di ogni altra cosa, è consuetudine inchinarsi quando si entra nella porta principale del torii del santuario e farlo fuori dal centro, poiché il centro diretto è visto come il percorso principale per la divinità del santuario. Quando si esce di nuovo dal cancello del torii, guardare verso l'altare del santuario e inchinarsi di nuovo, ancora una volta fuori dal centro.

Iniziare prendendo il mestolo con la mano destra e lavando la mano sinistra, poi cambiare mano e lavare la mano destra. Inoltre, alcuni scelgono di prendere l'acqua con la mano sinistra e di sorseggiarla leggermente in bocca per poi sputarla, ma se non vi sentite a vostro agio, non ce n'è bisogno.

Per la preghiera vera e propria, bisogna salire sull'altare vero e proprio, spesso seduto di fronte all'edificio principale del santuario. I dettagli delle pratiche di preghiera variano da un santuario all'altro, ma in generale vengono spesso accettate le seguenti linee guida:

Wakamiya1

La nonna di Wakamiya si inchina prima di entrare nella porta dei torii del Santuario di Tokiwa a Toyama, in Giappone.

Moe Wakamiya

Studenti miko al Santuario di Tokiwa

Moe Wakamiya

  1. Lancia una moneta nella cassetta delle offerte, se c'è. Le monete da 5 yen sono spesso scelte per questo scopo a causa della loro associazione con le buone relazioni.
  2. Se c'è una campana legata a una corda, scuotere la corda per farla suonare, poiché si dice che allontani le impurità e il male.
  3. Inchino due volte con un angolo di circa 90 gradi.
  4. Clamare due volte con le mani dritte.
  5. Mantenendo le mani unite davanti, formulare silenziosamente una preghiera e un desiderio.
  6. Una volta espresso il desiderio, inchinarsi di nuovo profondamente con un angolo di 90 gradi, una sola volta.
Praying

Una donna in preghiera in un santuario scintoista.

Japanexperterna.se

Nella stessa ottica dell'ema, sono comuni anche le sorti cartacee chiamate omikuji. Quelli con fortuna vengono spesso conservati, mentre quelli più sfortunati vengono legati ed esposti al santuario.

Come accennato in precedenza, in alcuni santuari (soprattutto in quelli più grandi e popolari) vengono venduti prodotti come gli omamori, che sono ottimi souvenir personali e contribuiscono a sostenere i santuari stessi.

Wakamiya afferma che i santuari non sono solo una rappresentazione della religione shintoista, ma anche delle comunità locali in cui risiedono, e spesso fungono da fulcro di attività per la gente del posto e da luoghi di accoglienza per eventi.

 

Omikuji Bad luck

Omikuji della cattiva sorte impacchettato ed esposto in un santuario.

@Wikimedia

Omamori

Omamori che si trova in un santuario.

@Wikimedia

Prenotate un tour autoguidato incentrato sulla cultura tradizionale giapponese!

Tour

Ultimi Articoli

Giglio ragno rosso: Come coltivare e curare questo incantevole bulbo autunnale

Il giglio rosso (Lycoris radiata) è un sorprendente bulbo a fioritura autunnale noto per i suoi fiori rosso vivo che sembrano apparire magicamente su steli nudi.

Japan Visitor - manyoshu20195.jpg

Il Manyoshu: La più antica e rinomata antologia di poesie del Giappone

Il Manyoshu, che significa "Raccolta di diecimila foglie", è la più antica antologia di poesia giapponese esistente.

Japan Visitor - mask20192.jpg

Smascherare la mistica e il fascino delle maschere tradizionali giapponesi

Le maschere sono parte integrante della cultura giapponese da secoli, almeno dal VI secolo.

Vedi gli articoli (56)