Il sake お酒

La famosa bevanda alcolica giapponese

Il sake non è solo uno dei drink più consumati in Giappone, ma anche uno dei più antichi. Dai riti religiosi alla gastronomia, il sake è un elemento chiave della cultura giapponese.

80% di acqua, 20% di riso

La produzione di sake presenta 3 principi fondamentali: il know-how ( waza ), la qualità dell'acqua ( mizu ) e la qualità del riso ( kome ). La purezza dell'acqua di sorgente utilizzata è essenziale, così come il grado di lucidatura del riso (minimo 40%). Più il riso è levigato, migliore è la qualità del sake . Dopo la lucidatura, il riso viene lavato, imbevuto, quindi cotto a vapore. La fermentazione dura quindi circa un mese.

Il koji-kin - il fungo che rilascia un enzima,  lievito e acido lattico vengono gradualmente aggiunti al riso dal toji , il mastro birraio . L'amido viene poi trasformato in zucchero, quindi in alcol. Una volta filtrato e pastorizzato, il sake viene imbottigliato ed è pronto per essere consumato entro un anno dalla produzione, dopo diversi mesi di invecchiamento. Il sake contiene, in media, tra il 14 e il 17% di alcol .

Riso, non regione

Ecco un altro modo in cui il sake è diverso dal vino: non appartiene a una particolare regione. La sua raffinatezza si basa più sul riso, selezionato da una cinquantina di varietà come Yamada-nishiki (Prefettura di Hyogo), Omachi (prefetture di Okayama e Hiroshima), Miyama-nishiki (Prefettura di Nagano) o Gohyakuman-goku (Prefettura di Niigata). Le produzioni di sake più famose ( kura ) si trovano vicino a fonti di acqua pura: vicino al monte Fuji, a Saijo, vicino a Hiroshima, o nel distretto di Nada, a Kobe. Qui è possibile visitare il Museo della Birreria Hakutsuru .

Il rituale della degustazione

Il sake è servito in uno shuki , composto da una fiaschetta di ceramica e tazze (o più raramente vetro, bambù o legno). Prendi nota: non dovresti mai servirti! E' educazione versare il sake nelle tazze dei vostri ospiti - tenendo il tokkuri (fiasco) con entrambe le mani - ma aspettate che siate serviti. Si noti che il sake è uno delle poche bevande alcoliche che può essere gustato freddo (tra 8 e 12 ° c) o caldo (tra 36 e 50 ° c). La temperatura consigliata per bere è spesso indicata sulla bottiglia.

In cucina

Infine , il sake viene utilizzato anche in cucina , insieme al mirin (un alcol dolce di riso, usato soprattutto nella salsa yakitori ). La cottura del sake (confezionata in bottiglie o cartoni di plastica) è utilizzata in particolare per fare salse e marinate.

Leggi anche : Asako Watanabe, l'unica donna che produce sake a Gifu

Fabbrica di sakè Fukumitsuya

La fabbrica di sakè Fukumitsuya

DR

Ultimi Articoli

L'enseigne de Torikizoku

Torikizoku, la catena di ristoranti yakitori economici

Se siete alla ricerca di una serata amichevole e rilassata a base di deliziosi kebab yakitori senza spendere troppo, la catena di ristoranti Torikizoku fa al caso

Japan Visitor - kirinbeer2018.jpg

Birra Kirin: una lager giapponese di qualità superiore prodotta con precisione e tradizione

La Kirin Brewery Company, una delle fabbriche di birra più antiche e rinomate del Giappone, ha una ricca storia che risale al 1885.

Un okonomiyaki

Okonomiyaki: la frittata giapponese

A metà strada tra una frittella e una frittata, ripiena di tanti ingredienti e condita con una salsa densa, l'okonomiyaki è una specialità tipica del Giappone, in particolare del Kansai e